Lettori fissi

martedì 10 gennaio 2012

Niente paura.

Le 8 di stamattina, il sole è già sorto ma la luna resta ancora ferma in cielo
Oggi pomeriggio si va dal dentista.
Ai bambini cominciano a cadere i denti da latte e non sempre il dente nuovo (si dice "deciduo) si fa strada nel modo giusto. Ecco, lo dico apertamente: i miei figli si stanno trasformando in squali!
Ho detto proprio squali. Sai, quegli animaletti tanto carucci, docili e sopratutto simpatici, hanno davvero due o più file di denti! Ciò perchè durante gli attacchi qualche dente può facilmente cadere (non è che prima tagliano le prede con il coltello) e questi denti in più vanno subito a sostituire quelli caduti, affinchè le povere bestiole non si trovino mai sprovvisti di quelle armi letali.
I denti decidui dei miei figli, quindi, invece di sostituire quello da latte si fanno strada da dietro creando, così, una seconda fila!
Uff! era già capitato a Fabiola l'anno scorso ( si vabbè, pochi mesi fa) ed ora è successa la stessa cosa in replica sia lei che a Diego.
Si va tutti insieme appassionatamente.
I bambini non hanno la minima paura di andarci e di questo non posso che vantarmi ampiamente, ma è una cosa che nasce da lontano. Dai su, non mi va di raccontarlo. Va bene lo racconto!( c'è voluto molto a convincermi).
Torniamo un pochino indietro nel tempo.
Ero una bimbetta ed avevo necessità del dentista per un controllo data la presenza di alcune cariette (orrore!!!!!)
Mio padre mi ci porta ed io al solo sentire il rumore del trapano mi sono sentita montare una paura furiosa. Immaginavo scene da film horror ( che sinceramente non avevo mai visto , data l'età, ma i pensieri gli si avvicinavano tanto) con la povera persona all'interno della sala legata a soffrire pene infernali: "Oddio ma cosa gli stanno facendo? con quel rumore di sicuro gli fanno qualcosa di molto doloroso!"
Avevo deciso che la fuga era la mia arma di difesa migliore, e me ne sono andata. Così, si. Sono uscita dallo studio, dal palazzo ( forse Palazzo Sagittario, abitavamo a Carbonia ed era uno dei palazzi più grandi e più nuovi, sempre se non ricordo male) e poi in strada, me ne stavo tornando verso casa. Benissimo, ce l'avevo fatta! avevo fregato tutti, hahahah!, io si, che ero molto più furba di loro!
Chiaramente mio padre si è accorto subito e mi ha raggiunta poco dopo ma vi posso garantire con un sincero "giurin giurello" che io lì non ci sono mai più rientrata.
Eh! si, una stupida. Per riuscire a tornare da un dentista ho faticato tantissimo e sono passati anni e anni.
Verso i 16 anni ce l'ho fatta. Mi sono armata di coraggio ed insieme alla mia carissima amica Alessandra siamo andate insieme sostenendoci a vicenda, entrambe terrorizzate. Chiaramente data la mia frequentazione assidua degli studi dentistici avevo un bel po' di lavori da fare.
Siamo attorno ai miei 21 o 22  anni. Ero fidanzata e lavoricchiavo.Oggi in una agenzia immobiliare e il giorno dopo vendevo Bayles nei supermercati, stressando la gente che avrebbe tanto voluto fare la spesa senza che io gli rompessi le scatole.
Il mio fidanzato ( di quei tempi ) mi propone un lavoro favoloso!!! Sua sorella lo fa già ma deve lasciarlo perchè ha vinto il concorso al Comune ( che culo!)....Vabbè dai dimmi : "ma cosa sarà mai questo lavoro fantastico?"
L'assistente di un dentista!!!!!!!! hahahahahahahahahahaha ebbene si! sono andata a fare il colloquio con il titolare sapendo benissimo che quel lavoro non lo volevo fare e, in cuor mio, speravo mi mandasse via a calci. Bè che vi devo dire....invece gli sono piaciuta e ci sono rimasta ben 15 anni.
Lungo i tanti anni ho imparato a non averne più paura. Quando sai a cosa serve quello strumento o quell'altro capisci che non li devi temere. Ho conosciuto un mare di bambini e con loro ero sempre molto, molto dolce e paziente, memore dei miei trascorsi infelici. Spesso è capitato che questi cuccioli si facessero toccare solo ed esclusivamente se gli stavo accanto e gli tenevo la mano, altri scappavano a gambe levate ( ma dimmi tu !!). Ho ricevuto da loro anche tanti regalini. Qualcuno lo conservo ancora con affetto.
Quando ho avuto i bambini mi sono detta che mai e poi mai avrebbero avuto paura del dentista. Ho iniziato a portarli quando avevano circa due anni. Non ne avevo motivo ma, d'accordo con il mio dentista di fiducia, volevo che prendessero confidenza con lui e con lo studio, con gli odori e con i rumori, così almeno due o tre volte all'anno facevamo tappa da Enrico Codonesu( il dentista).
Che vi devo dire? ha funzionato perfettamente.
Fabiola ha già curato una carietta a capocchia di spillo su un molarino da latte ed ha tolto un dentino che non cadeva,con l'altro già dietro " in seconda fila". Diego ha coperto una macchia che aveva su un incisivo ( era uscito così, già macchiato). Sono stati  bravissimi, sembravano nati lì. 
Che orgoglio!!

ps Aggiornamento delle 21:30 
Il dentista ha tolto i dentini da latte a entrambi i bambini con anestesia a iniezione. Loro non hanno battuto ciglio e tutto è andato così liscio che di più non si può. Stanotte passerà il topolino.








2 commenti:

  1. Cri non parlare troppo di topi che non si sa mai!!!

    RispondiElimina
  2. Si...sai poi ho messo una trappola e stamattina li ho presi, portati e lasciati tu sai dove! hahaahah

    RispondiElimina

Puoi lasciare un commento e mi farà davvero molto piacere leggerlo e risponderti.
Scrivimi qualcosa e lascia una traccia del tuo passaggio nel mio blog!
Grazie
Ciaus