I miei amici

martedì 10 aprile 2012

Is Pardulas. Dolce con ricotta, Sardegna

Qualche tempo fa avevo promesso una ricetta alla cara Edvige. Più in là metterò anche qualcosa di salato. Oggi pensiamo al dolce.
Si chiamano "pardule" e sono fatte con il formaggio e/o ricotta+uva passa  nel nord Sardegna e con la ricotta, senza uva passa, qui da noi (sud Sard.).
Non mi ero mai cimentata, dovrebbero uscire un po' più gonfie ma migliorerò nelle prossime volte, man mano che mi impratichirò!
Devo dire, molto sinceramente, che mi sono venute davvero buone. Con le dosi del mio passo a passo (mix di due ricette: di Viviana, una mia amica, e di un libro di ricette sarde un po' antico) ne sono venute una cinquantina...Nel giro di due giorni e mezzo sono sparite dalla faccia della terra! Mio figlio e mio marito se ne sono sbranate 4 alla volta!
Io le ho assaggiate solo il giorno dopo perchè quando le fai, alla fine, ti nausea pure l'odore!
Ecco le mie pardule

Ora veniamo ai fatti


INGREDIENTI




1 kg    Ricotta di pecora (non vaccina perchè è troppo morbida e umida) che si inizia a trattare in anticipo rispetto alla lavorazione del tutto. Leggi bene nella ricetta.                                                            
 2  Uova ( solo tuorlo)
100 gr Zucchero
q.b. Farina          
1   Bustina di lievito  per dolci
1   Bustina di zafferano (io non l'ho messa tutta, ma fate a vostro gusto)
1 limone  Buccia grattugiata
1 arancia Buccia grattugiata
          


Per la pasta


  50 gr Semola rimacinata
 300 gr.Farina
100 gr Strutto
   q.b.  Acqua
    q.b. Zucchero ( io ne ho messo 1 cucchiaino e 1/2)


LAVORIAMO INSIEME


Nel mixer ( io uso, come sempre, il Bimby) mettiamo la farina, la semola rimacinata, lo zucchero, lo strutto.
Facciamo andare  il nostro fido aiutante e mentre gira aggiungiamo l'acqua a filo. 
Poca alla volta perchè dobbiamo stare attenti alla consistenza.
Deve diventare un impasto compatto, liscio, non appiccicoso, morbido. Grosso modo come  l'impasto per la pizza, ecco!
Questo è il risultato
e lo copriamo con una pellicola per evitare che la superficie si asciughi. 
Lasciamolo riposare e passiamo all'impasto della ricotta.
Grattugiate il limone e l'arancia.
La ricotta dev'essere di pecora e non deve essere troppo umida, per cui la avvolgerete in un canovaccio, ben pulito, di cotone, e la lascerete lì per una mezza giornata abbondante. 
Siate accorte di cambiarlo se vedere che si è inumidito troppo, e mettetene uno asciutto.
Nel boccale mettiamo la ricotta, lo zucchero, le uova, le bucce grattugiate, lo zafferano, il lievito e la farina (partite con due cucchiai),e di questa aggiungetene ancora , man mano che si ingloba per bene, finchè l'impasto non diventa morbido ma non troppo appiccicoso.
Ecco qui il risultato.
Prendiamo la palla della pasta e ne tagliamo un pezzo.
Chi è di voglia e di buona volontà può usare il mattarello per stendere la pasta. Io non ho nè l'una nè l'altra e uso la macchinetta a rulli (che per l'occasione mi è stata prestata da mia mamma).
Partendo dal numero più alto scendete al più basso. Stendete delle strisce abbastanza fini. Con questa macchina si deve arrivare al numero 2, e la sfoglia sarà perfetta.
Usate un tagliapasta  di diametro di circa 8 cm (o una tazza o un bicchiere o quello che vi viene bene).
Fate i cerchi più vicini possibili 
e la pasta che resta la ripassate nella macchinetta per fare altre strisce.
Mettete un po' di impasto dentro un cerchio e pizzicate i lati fino a fare 6 punte laterali, grosso modo devono uscire così
E' inutile mettervi a criticare...so benissimo che non sono una bellezza...ma davvero non importa.....almeno non importa la prima volta che mi cimento in codesta avventura! :-)))
Mettetele in forno a 180°. Nel mio forno si sono cotte in 15-20 minuti. 
Comunque, come dico SEMPRE, controllatele spesso  durante la cottura  per non farle bruciare.

Che dirvi...per chi ne ha voglia di provare ...questo è ciò che ho fatto io....Davvero buone!

43 commenti:

  1. Mamma mia cara Biancaneve, che bocconcini prelibati mi fai vedere lo sai che sicuramente questa notte li sognerò di sicuro!!!
    Buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Gnammiiii!!! Ok che io ho il veto sui dolci e sbavo appena ne vedo uno che sia live o in foto ma sembrano davvero deliziosi!! Secondo me anche con gocce di cioccolato nell'impasto di ricotta non dovrebbero essere male :D

    RispondiElimina
  3. ...mmmmmh mi ricordo di averle mangiate in Sardegna, ricordo...ma meglio che copi la ricetta così ricorderò meglio :)) Grazie! un sorriso...

    RispondiElimina
  4. La (in)nominata si presenta ...Mammamia ma sei matta tutto sto lavoro :o)) bravissima e non è necessario siano nelli esistono dei biscotti che si chiamano "brutti ma boni" quindi....
    Devo essere favolosi peccato che io non possiedo il bimby e quindi impasterò a mani in quanto mia figlia ha il fa tutto incluso l'impastamento il mio è vecchio di 20anni, ho il mattarello per stendere la pasta l'altro non l'ha nessuno....comunque mi arrangio.
    Il problema è trovare la ricotta che dici tu perchè qui a Trieste quella di pecora è quasi introvabile. C'è un negozio che vende prodotti abruzzesi ed ha anche la ricotta ma è fine assomiglia al mascherpone e quindi non è adatta.
    La ricotta più ..diciamo grossa è di vacca abbastanza secca e penso che dovrò usare quella.
    Farò questi ...dolcetti in maggio per compleanno di marito e figlia e poi ti farò sapere anzi farò la foto del dolcetto.
    Carissima Cristina non so cosa dire GRAZIEEEEEEE
    un fortissimo abbracccccccccciooooo ed un bacione
    Buona serata

    RispondiElimina
  5. brava!!!! ma la prossima volta fai 8 pizzi e la ricotta deve essere soda così ci fai delle pallette e rimangono più gonfie.
    ily

    RispondiElimina
  6. Sono molto simili alle cassatine pasquali che si fanno nella mia zona! :)

    RispondiElimina
  7. @TOMASO...Noooo non dirmi così dai! mi fai sentire in colpa per il tuo sogno pieno di calorie!! baciotto


    @LADYSMITH.....Se in Sardegna ti sentono dire che vuoi mettere il cioccolato nelle pardule ti pestano forte!haahahahahahhah
    Comunque sono facili ....ma non riuscirai a trovare il tempo di farle per almeno un anno dalla nascita! te lo garantisco! Io ero felice se riuscivo a trovare il tempo di farmi una doccia! hahahahahahaah Kisses

    RispondiElimina
  8. @GABBIANO...Si prendi la ricetta, è qui per questo.... però c'è il patto che poi voglio vedere la foto del tuo "eseguito" ...OK?? :-))))


    @EDVIGE.....:-))))) Si falle e poi metti assolutamente la foto! ci tengo! però mi sembra strano che la ricotta vaccina sia dura da voi....qui è come una crema, infatti l'ho sconsigliata per questo motivo...Boh! dai tu prendi quella che ti sembra la più adatta..Vedremo! Beso

    RispondiElimina
  9. @ILY.....Grazie...seguirò il tuo consiglio sull'impasto...ma 8 pizzichi si possono fare se le pardule sono grandi...il mio cerchio di base era di 8 cm...troppo piccolo e troppo difficile farne 6...figurati farne 8!!!! :-))))

    RispondiElimina
  10. @LOVEIS....e dimmi, dimmi...di che zona sei? e dimmi dove posso trovare una foto di quel tuo dolce...sono davvero incuriosita!

    RispondiElimina
  11. si, hai ragione ma l'unica ricotta come seta è quella confezionata che io di solito non prendo appunto per questo motivo.Quella che viene venduta sciolta ovvero ci sono pacchi grandi al banco di salumeria, formaggi ecc. venduta a peso è più grossa d'aspetto e anche più secca e la trovi non sempre anche quella di pecora. Le provenienze sono o la nostra locale della latterie Carsoline oppure la Romana. Ma la nostra è più grossa e secca.
    A mio marito piace quella Abruzzese perchè è liscia e setosa come appunto il mascarpone ma meno grassa.
    Ciaooooo

    RispondiElimina
  12. wow.. sembrano davvero ottimi, ma di zucchero cosa intendi 1 1.5 - cucchiai?

    RispondiElimina
  13. le gocce di cioccolato nella ricotta in effetti fan più Sicilian Style :D

    RispondiElimina
  14. Mmb che bontà, mi fai venire l'acquolina in bocca!
    Ho letto la tua storia curiosa sulla Pasqua e mi è piaciuta un sacco, ma non riuscivo a lasciare un commento lì sotto!
    Ti auguro buona giornata!a presto!

    RispondiElimina
  15. Grande!

    Le nostre preferite!!!!!!

    In itaglianese le chiamano anche formaggelle...

    Che buone, giro subito la tua ricetta alla mia dolce metà...
    Grande grande grande!

    Finalmente (piuttosto che chiedere la ricetta a mia tzia preferivo mangiare quelle della pam)

    ciao

    RispondiElimina
  16. Ciao sono Maria scopro solo oggi il tuo caro bel blog. Wow adoro questi dolcetti, un anno in vacanza in Sardegna ho praticamente fatto scorpacciata!!!

    RispondiElimina
  17. Ciao cara sei andata sulmio blog, ti è piaciuta la sorpresa....spero di si. Un abbraccio

    RispondiElimina
  18. Aaaaaah pardulas! Come sono buoneeeee! Le faceva mia nonna!

    RispondiElimina
  19. @WONDERWOMAN.....hahahaahahhaha hai ragione....e se non dico l'unità di misura come fate a capire? Ho corretto, grazie a te. Intendevo 1 cucchiaino e 1/2. Baciotto


    @FEDERICA...ma come sarà mai che lì non sei riuscita a commentare? Misteri del blog!
    Quale post intendi che ti è piaciuto...quello delle curiosità sulla Pasqua nel mondo o quello dell'"annunciazione"?


    @MAURREDDU...e perchè non vuoi chiedere la ricetta a tzia?...guerra in famiglia? eeheheh Una mia amica mi ha detto che per fare in modo che si gonfino a "cùccuru" bisogna fare in modo che l'impasto della ricotta sia sufficientemente denso da poterlo lavorare con le mai a formare delle palline....Anche io farò così la prossima volta! Fammi sapere se tua moglie ti accontenterà!
    Ciaus


    @MARIA...ciao e benvenuta nel mio blog! sono già passata da te a frugare un po'!
    Mi fa piacere che tu le conosca già...magari così ti invogli di più e le fai!
    A prestoooooo!

    RispondiElimina
  20. @EDVIGE....ero intenta a pulire tutta la mattina ma poco fa sono passata da te!!! Che sorpresa!! non pensavo mi avresti messa sul tuo blog! Mi hai fatta davvero contenta!!!!:-))))))))))) Grazie grazieeeee

    RispondiElimina
  21. Ciao!
    Sono buonissimi questi dolci. Da anni che non li mangio, quanti ricordi.

    RispondiElimina
  22. BUONISSIME!!!! La zia di mio marito ce ne fa sempre una carrellata quando viene a trovarci e sono trooooppo buone!! sere

    RispondiElimina
  23. @EU....tua nonna davvero? ma...allora riprendi subito in mano la tradizione...che aspetti?

    @FR@....Innanzitutto grazie per esserti fermata da me...
    Dai buttati nella magia dell'impasto, della cottura e dell'assaggio! gnam!

    @Fairy.....Quindi le conosci! che piacere vedere che i dolci sardi sono conosciuti da tantissime persone di "fuori"....eheheheheh

    RispondiElimina
  24. Eccomi pronta a gustare le tue meravigliose e golose pardulas...Grazie della visita mi unisco con piacere ai tuoi lettori e cara se ti va di aggiungere la tua ricetta regionale alla raccolta fammi sapere....la inseriremo con piacere nella pagina ufficiale!!!!!A presto!!!!E ancora complimenti!!!!!!

    RispondiElimina
  25. @ROSCIO....Benvenutooo! ciao Rosario, si :-)) "erano" buone...ora ci resta solo il loro ricordo! Pace e amen! :-))

    @RENATA....Ciao, ma certo che mi piacerebbe che la mia ricetta andasse in una raccolta ufficiale! come no!Grazie per i complimenti! a presto assolutamente! :-))

    RispondiElimina
  26. Vedo che mia figlia (hungrycaramella) già ti seguo. Ti seguo anch'io, sono golosissima!

    RispondiElimina
  27. Quando ho letto strutto mi sono bloccata... io non utilizzo carni e derivati.
    Con qualche variante potrei provarci però.

    Bacio

    RispondiElimina
  28. @FRANCESCA...Tua figlia l'ho vista solo perchè me lo hai detto tu..:-))))))))))).si è iscritta da me ma non avevo visto nessun suo commento! Sono passata a contraccambiare la visita e domani leggerò per bene qualche vostro post! A presto!


    @KYLIE....Io adoro la carne e i suoi derivati ma le scelte delle persone NON si discutono assolutamente....quindi ti dico che puoi provare a sostituire lo strutto con il burro o con la margarina! Che ne dici? Mi fai sapere carissima Kylie?
    Bacione

    RispondiElimina
  29. Figurati :-D io dove vado rompo le scatole.. :-D

    RispondiElimina
  30. @WONDERWOMAN.....ma scherzi? macchè rompere le scatole!!!!!! hai fatto benissimo! :-PP

    RispondiElimina
  31. troppo buoneeeeeeee! E non ti dico che nostalgia di casa che mi fanno venire..
    Un abbraccio a te e alla mia adorata terra sarda...

    RispondiElimina
  32. se ti và passa da me.. c'è un nuovo tema a cui potresti partecipare, mi piacerebbe vederti tra noi!

    RispondiElimina
  33. @LaBETTY ...Ogni tanto scendi? Da quanto tempo abiti fuori? e come mai sei "emigrata"? Non hai nessuno che ti possa mandare qualche pacchetto di dolcetti?

    @MissVALERIE...Visto! parteciperò!:-)))

    RispondiElimina
  34. io adoro mangiarle...sia di di formaggio che di ricotta...ma non ci penso nemmeno a farle :)

    RispondiElimina
  35. @CHICCHISCEDDA....Ma dai....era la prima volta che le facevo e ti giuro che non sono difficili da fare...Ma vuoi mettere la soddisfazione? :-)

    RispondiElimina
  36. http://www.dolcidee.it/ricette/scheda/cassate-di-ricotta-ragusane/
    Quelle sicule sono queste qui :)

    RispondiElimina
  37. @LOVEIS...viste! molto diverse dalle nostre anche se "grosso modo" sono gli stessi ingredienti. E' più complicato fare i cestinetti! Chissà se un giorno nella mia vita le potrò assaggiare!...anche se non metterei la cannella.Grazie :-))))

    RispondiElimina
  38. Io sono brava solo a mangiarle :-)

    RispondiElimina
  39. @EU...certo che per diventare brava a "mangiarle" bisogna fare molta esperienza!!!!! :-DDDD

    RispondiElimina
  40. nella mia zona si chiamano "casatinas" e si fanno con formaggio e menta quelle salate e ricotta e menta quelle dolci! ;)

    RispondiElimina
  41. @DESPERATE..... ma sei sarda anche tu? daiiiii....di che zona sei? :-))))

    RispondiElimina
  42. dai prova a cercare casatinas su google e vediamo se ti esce ahahaha
    scherzo,sono della provincia di Nuoro... zona golfo di Orosei ;)

    RispondiElimina

Puoi lasciare un commento e mi farà davvero molto piacere leggerlo e risponderti.
Scrivimi qualcosa e lascia una traccia del tuo passaggio nel mio blog!
Grazie
Ciaus